Passa ai contenuti principali

Riciclaggi


Un amico mi ha inviato questa notizia:



L'on. Riccardo Minardo e i componenti della sua corrente politica hanno lasciato Forza Italia. L'on. Riccardo Minardo ha detto che “Forza Italia e' un partito invivibile” e si è intanto dichiarato indipendente. Riccardo Minardo aveva parlato di disagio politico e di scarsa visibilita'. Un documento con due richieste. Due assessorati, uno alla Provincia e uno al Comune capoluogo per la corrente rappresentata da Riccardo Minardo. Richieste che non hanno trovato risposta da Alfano che avrebbe detto di non poter dare alcuna garanzia. Da qui la decisione.Minardo sarebbe in predicato di passare al Movimento per l'Autonomia, come tra l'altro riconfermato appena qualche giorno fa dal commissario provinciale dell'Mpa, Enzo Oliva. A seguirlo sono in ottanta, tra cui il presidente del consiglio comunale di Modica, Enzo Scarso, l'assessore modicano Cerruto, l'ex presidente Aapit Pietro Barrera.
Ma, Riccardino ha deciso di passare al Movimento per l'Autonomia (AIUTO! certi nomi di partiti a volte mi inquietano) perché Forza Italia era invivibile o perché non godeva della visibilità desiderata?
E' un messaggio poco convincente il suo. Se Forza Italia avesse deciso di concedere quanto richiesto, avrebbe deciso di rimanere. In questo caso il partito sarebbe ritornato ad essere vivibile. Un encomiabile esempio di spirito di adattabilità!
Nel suo discorso c'é un' evidente contraddizione. Non vorrei fosse un seguace di Socrate.
Sbaglio o era Socrate che cercava le contraddizioni interne ai discorsi?
Forza Italia ha un filosofo di tal misura e se lo lascia scappare per un paio di misere poltrone?
Evidentemente Minardo soffre di crisi di astinenza di potere. Forse non ha mai sentito raccontare la storiella della spada di Damocle.
Forse non ha mai guardato in alto a controllare se un crine di cavallo regge una spada affilata proprio sulla sua testa.
Mi viene il dubbio che lui sia il cavallo (o il ciuchino) da cui hanno strappato il filo e la spada e Damocle li impersonino altri personaggi.
Poverino, mi fa pena, soprattutto a vederlo in questa foto che era allegata alla notizia
Con quella sua espressione da rappresentanza, sempre uguale per ogni evento: l'incontro con il Papa, l'incontro con Berlusconi, la passeggiata con il Vescovo durante la processione di San Giorgio.

Lui é un buono, uno che si batte per la città. Il caciocavallo DOP, insomma, é stata una sua bella idea. La salvaguardia degli asinelli, ophs...
E ora cosa succederà? Si aprirà la caccia alle nuove poltrone?
Mi fa pensare al pifferaio magico, lui sgambetta per la città e i topolini dietro....
Mah! Quando smetteranno di fare della politica un mestiere?
Qualcuno dovrebbe dargli qualche lezioncina di marketing! Cosa fai, ti metti in gioco per due squallide poltroncine? Tu che sedevi alla destra del padre?
Secondo me non si é saputo vendere. A meno che il suo gioco non miri ad altro, ma io di strategie politiche non ci capisco nulla. In questo senso sono una PURA. Sempre fedele alla linea, anche se, in questi ultimi tempi anche il mio leader ha preferito la poltrona.
Boh, sarà che quella sulla quale siedo (magnificamente rossa) non é per nulla comoda, ma non mi scomoderei più di tanto, giocandomi la faccia.
Mio zio, che vive in Germania, mi raccontava che se fai la raccolta differenziata, e dividi anche il vetro in chiaro e scuro, ti danno un premio in denaro.
Ecco, forse anche nella mia città danno il premio a chi ricicla tutte queste belle bottiglie vuote, il colore poco importa. Altrimenti non si spiegherebbe il motivo per il quale se ne vedono tante ancora in circolazione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Benvenuto Ottobre




Sì, lo so che non sono più una bambina. Ma oggi è il primo di Ottobre e quando questo mese arriva non posso fare a meno di pensare alla vigilia di Ognissanti. Vado alla ricerca della zucca perfetta: non troppo ovale, né troppo schiacchiata. Altrimenti è difficile da intagliare e la faccia non verrebbe bene.

Poi ci sono le castagne da cercare. Quelle buone, quelle che vanno arrostite rigorosamente nel camino, anche se dentro casa sembra ancora estate. E poi ci sono le decorazioni e il menu della serata che deve prevedere i melograni. Per finire il dolce: frittelle, crispelle e una torta alla zucca e noci.
Sarà pure una giornata impegnativa, ma io sono felice. Anche se dura poco.Anche se il cibo finisce in fretta e la candela dentro la zucca non regge l’intera serata. Ma va bene così, quando, finito tutto, spengo la luce, la lanterna cacciastreghe proietta la faccia intagliata sul muro e il tremolio della candela le regala un ghigno malevolo. E’ strambo, sarà stupido, ma è divertente.…

Gratitudine

Esercitare la gratitudine non è dire grazie e basta per quello che si ha, ma dire “grazie perché …” solo dopo aver osservato il problema da un’altra prospettiva e avere scovato un aspetto positivo. E spesso questo corrisponde nel formulare un pensiero contrario a quello che di solito viene formulato. La vita è fatta di momenti negativi, positivi e momenti neutri. In genere quest’ultimi sono quelli che precedono l’avvento dei primi due. I tipici momenti nei quali si dovrebbe stare all'erta anche se non servirebbe a niente comunque. L’esercizio di formulare pensieri di gratitudine, naturalmente, è un esercizio che presenta gradi di difficoltà diversi a seconda di chi dovrà svolgerlo. Un’ottimista o un fortunato ringrazierebbero sempre e comunque, senza prendersi la briga di osservare la propria vita da una prospettiva differente. Cosa che sarebbe sbagliata, fra l’altro, ma l’ottimista è una persona che piace a tutti, non ammorba la vita degli altri con i suoi problemi. Sorride semp…
La notte, sogno spesso di essere lasciata sola. Sola fra gente che non conosco e che si diverte. Abbandonata dagli amici, dal compagno, da semplici conoscenti e senza mai un perché. Nel sogno mi sento smarrita. Vedo gli altri che ridono, parlano, vivono. Io provo uno strano senso di angoscia e mi sveglio.
Durante il giorno, invece, cerco i momenti di solitudine come le pepite d'oro nei fiumi ai tempi del far west.
La solitudine peggiore, però, é quando ti senti solo nell'esprimere la confusione che hai dentro. Confusione che diventa rabbia. Rabbia che diventa rancore. Rancore che si trasforma in attesa. Esiste un tempo nel quale capisci che non esisti per rendere felici gli altri. Che il tempo é poco e se non ti fermi per riappropriarti di te stesso verrai mangiato o peggio ancora sbranato. 
Se sopravvivi alla tempesta capisci che nessuno é importante quanto te. E per venire incontro veramente agli altri, bisogna prima passare da se stessi. E quando avrai il coraggio di rispo…