Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2011

Darci un taglio

Il mio blog, come la sua proprietaria, é in fase di transizione e cambia look nell'illusione di rinnovarsi, ma resta sempre uguale a sé stesso. Se bastasse un taglio di capelli per cambiare vita i parrucchieri sarebbero i più ricchi del mondo. Intanto ci casco sempre pure io: stanca della solita routine, del solito paesaggio, dei soliti problemi? Accorcio i capelli. E quale piacere mi assale quando li vedo precipitare sul pavimento, quale leggerezza, seppur momentanea, mi coglie! Fino al prossimo shampoo. Quando mi accorgo che sono completamente negata a dare forma a quelle serpi indisciplinate che sono i miei capelli.
L'ho detto alla mia amica. Evita di dirmi tutti i giorni che pensare positivo aiuta! Ci sono i problemi che nascono da malesseri speciali, altri che nascono da esigenze materiali. Se hai fame, pensare con ottimismo che domani mangerai, non allieva la fame. Dire ad un malato terminale che la vita é bella non lo aiuta di certo a vivere. Bisogna valutare bene quand…

Pertubazioni

Ho vissuto uno tsunami emozionale. Lui, proprio lui, il maestro, ha fatto vacillare le mie certezze. Come ha potuto Guccini scegliere di leggere una cosa così insulsa il giorno del suo matrimonio? “Sei tu” di Paulo Coelho. Lui che nella scrittura raggiunge vette celestiali se non si impegna, immaginiamo quando lo fa, accetta una cosa così? Sarà stata colpa della sgallettata della moglie? Sarà stata colpa della demenza senile? Non avrò mai modo di sapere, ma Coelho no. Peggio di una pugnalata:
“Mi spingi oltre i miei limiti e sento di vivere appieno la mia stessa vita, in te ho incontrato me stesso e ho guardato oltre, oltre ogni inimmaginabile limite. Ho guardato nel profondo dei tuoi occhi cercando di comprenderti, ma ho visto tutto quello che di me mai avrei voluto vedere. Ho visto la mia fragilità e la mia insicurezza, i miei sensi di colpa e i miei complessi, le mie paure e la mia insofferenza, ho visto le mie tenebre e i miei demoni ….” Io invece ho visto il buio! Bleah!!! Roba …

Mani in pasta

Va bene, la foto poteva essere migliore, ma ci si può mai aspettare da una fotocamera da 5.0 megapixel di un cellulare che le foto siano perfette ? Domenica, dopo aver pubblicato il post dei miei vaneggiamenti sul voler essere una vera blogger, ho capito che non lo diventerò mai. Così, tanto per sfogare la smania di fare qualcosa e per non sporcare la cucina di farina e zucchero a velo, ho deciso di crearmi la collana per le fiere. La collana per le fiere, sarebbe la collana che indosserò la prossima volta che andrò (se ci andrò e non ho fretta) ad una fiera e indosserò il completo da salma nero. Ho tirato fuori le prime murrine che ho fatto l'estate scorsa e che pensavo fossero venute male. Ho inserito due cristalli swarovski neri che avevo comprato in un negozio on line che vende gemme e altre due pietre bianche di cristallo, anche loro comprate lì. Questo é il risultato. Banale, lineare, ma perfetto per la destinazione d'uso. Di queste murrine, adesso, ne vado fiera. Non l…

La blogger della domenica

Ho cambiato idea. Anche io voglio essere una vera blogger. Una di quelle che parla a tema e che é seguitissima da ragazze e donne che osannano tutto quello che scrivi. Resta da trovare l'argomento. Blog di cucina ve ne sono in eccedenza. Blog di moda ...io? ah ah ah!!! Attualità: non mi aggiorno da un pò. Politica: la odio e non ne capisco nulla. Medicina e bellezza: Non ho i titoli. Né di studio, né quelli fisici per poter pubblicare le mie foto con le ultime acconciature alla moda o i suggerimenti per avere labbra più sexy. Allora di cosa parlo? Devo trovarlo un tema. Scrivo di fari? Magari! Bisognerebbe, però, parlarne dopo averne visitati alcuni ed io nel curriculum ne conto solo due o tre. Niente da fare. Se non ho un tema non posso diventare una vera blogger. Voglio essere invitata alle trasmissioni, tenere una rubrica in qualche rivista femminile. Truccarmi, viaggiare, frequentare posti in e sentirmi parte del gioco.
Insomma, fari a parte, quali passioni ho? Mi piace cucinar…

10 Aprile 2011

Furnari ore 16:31. Meno tre ore e mezza e poi torno a casa. Giornata piena anche questa, anche se meno piena rispetto ad ieri. Stanca, annoiata e con lo stomaco sottosopra. Il pesce di Filippazzo (Vecchia Cucina) lo consiglio. Andate a Milazzo a trovare Filippazzo!!! Meno la cucina dell'albergo. Questa ce l'ho ancora sullo stomaco. Più del toast di ieri pomeriggio. Pazienza. Non poteva filare liscia per tutti e tre i giorni. Ancora gente che passeggia, ma che avranno da passeggiare? Se non sono interessati a quello che proponiamo perché si fermano a guardare? Perché non se ne vanno in spiaggia? C'é una splendida giornata. Il mare é azzurro, non soffia vento, c'é un sottile odore di zagare. In compenso ho fatto una full immersion fra le persone più strampalate di questo mondo. Una varietà di gente niente male. Ma oggi non sono in vena di scrivere. Né di mé, né di loro. Però chiudo il post con un annuncio pubblicato su una rivista di Compro/Vendo. Non c'é mai fine al…

Sabato 9 aprile

Eccomi, ancora con le vene intere...Oggi giornata di caos. Infatti il tempo é passato. Sono le tre, stomaco vuoto, ma noia zero. Certo, é sabato, accidenti, il mio giorno libero e nel quale mi ripulisco da tutto quello che é lavoro, noie e rospi inghiottiti. Vista con la luce del sole la città è peggio di come era apparsa di notte. Molto tranquilla, ma niente che valga la pena osservare. Solo case e strade, strade e case. Sono le tre e mezza e ancora passeggiano, con mega panini in mano, alla faccia mia che sono digiuna. Ho fame!!!
Ok, oggi ultima nottata in albergo, quini da domenica nessun vicino di stanza rumoroso. Che strazio... ancora altre quattro ore e mezza. Ieri si moriva dalla noia e oggi dalla fatica. Non esistono più le mezze stagioni, nemmeno quelle lavorative.
E passeggiano ancora, ma perché non se ne vanno a casa? Mannaggia a loro.

... ore 16:41: mangiato. Hanno preso il prosciutto cotto di qualche settimana fa, lo hanno portato al bar e fatto i toast a prezzo da cinque s…

Milizie alla marmellata di mele

Ore 15:34 Furnari (ME) Aiutooooo !!! Ho finito di sfilarmi le vene delle braccia, una ad una. Ora inizierò con quelle delle gambe. Poi non so che altra distrazione trovare. E' uno stillicidio. Che ci fosse mortorio era prevedibile, il peggio é toccarlo con mano il mortorio. Se ad una abitudinaria come me togliete la colazione al bar con cappuccino spolverato di cannella e un bel cornetto maxi e sostituite il tutto con una colazione in un bar del distributore più sconnesso della provincia messinese, la giornata inizia male. Molto male. Cosa sono queste "milizie con marmellata di mele"? Sono solo pasta sfoglia coperta di zucchero di canna e con dentro una cremina pasticcera fatta con le buste. Rivoglio il mio bar! E poi mi tocca sentire il collega che si sente Dio, ma che non sa coniugare un verbo. Uno che si lagna perché il suo dirigente non é laureato e questo non se lo può spiegare. Certo che se la laurea facesse a tutti lo stesso effetto, dovrebbero inventare un ant…

Post: Gita al Faro

Ciao Cristiano, non ho un tuo indirizzo e-mail, non posso contattarti diversamente.
Non ho le foto del radar. Cosa che mi é stata, non espressamente vietata, ma chiesto cortesemente di evitarlo. Siccome a me interessava solo il faro non ho fatto fatica ad ubbidire... e poi non mi sembrava gentile nei confronti del reggente.
Per il resto, quelle foto che lo scattate proprio da dentro il faro e fuori dal piazzale.
Ciao

Ma che bello, che bello, che bello.

Che bello, che bello, che bello! Fiera: venerdì, sabato e domenica. Dodici ore di noia totale, presumo. Perché chi vuoi che venga durante un fine settimana assolato avendo a disposizione una bellissima spiaggia? Nessun problema, per carità, non avevo programmi anche se volevo dare sfogo all’estro creativo. Se non lo faccio durante i fine settimana, quando potrei?
Già mi immagino i soliti ingegneri siculi e calabri (se proprio vogliamo spostarci al nord) con le loro Lacoste dal colletto alzato. Accompagnati, a volte, da figli allampanati, future promesse dell’ingegneria, oppure dalla mogli sempre ossigenate, con i rossetti fucsia, super abbronzate e adornate da collane etniche.
Potrei sfruttare la situazione, raccogliere tutte le cianfrusaglie (poche ahimé) fino ad oggi create ed esporle sul banco. Magari do il via alla mia nuova attività parallela. Potrei suscitare consensi.
Seriamente parlando, a parte un certo malessere e disagio fisico che mi porterò appresso, dovuto a certe incombenz…