Passa ai contenuti principali

Camminare sulle nuvole

Alla fine ce l’ho fatta. Domani, già a quest’ora, le mie gambe staranno salendo la famosa scala a chiocciola che mi porterà su, fino alla lanterna del faro.
Mi ha preso di sorpresa la telefonata del comandante, stamattina. Avrei preferito avere qualche giorno di tempo per organizzarmi alla perfezione, ma mi sono ritrovata a dire di si per domani e avrei detto si anche se mi avesse chiesto di andarci subito, immediatamente con il tipico modo di ordinare le cose che hanno i militari.
Sono incommensurabilmente contenta, ma prudente. Tutto può succedere da adesso a domani, ma giuro che ci andrei anche strisciando e con le catene ai piedi. Rendo appieno l’idea di quanto ci tenga ad andare?
Sono passati anni, lettere e telefonate a vuoto e adesso eccomi qui, con le gambe che mi tremano dall’emozione. Io che non mi emoziono mai o almeno, non lo do a vedere. Invece adesso mi sento come se dovessi fare un esame, andare al primo appuntamento con il ragazzo che mi piace da una vita. Tutte e due le cose non mi hanno mai fatto sentire così agitata.
Tutto sembra passato in secondo piano. Sembra uno sfondo confuso, come in certi quadri, quando il pittore vuole mettere in risalto un soggetto. In questo momento il mio soggetto principale è il faro, lo sfondo é tutto il resto: le beghe quotidiane al lavoro, la situazione politica che non mi va giù, gli amici noiosi, i parenti serpenti e pure la mia fissa di prendere un cucciolo di cane.
Avverto comunque che la fissa non mi è passata e come ogni volta, quando ci metto tutto l’impegno, andrà in porto anche questa operazione.
Cosa farò e cosa dirò, quali sono le domande giuste da fare, non bisogna dimenticare che devo riportare per filo e per segno ogni notizia alla signora Mariotti, colei che ha reso possibile tutto questo. Spero di non deluderla, di essere all’altezza delle sue aspettative. Non devo metterci nemmeno troppo impegno per farlo, l’argomento mi interessa talmente tanto che riuscirei ad immagazzinare, reperire, procurarmi tutte le informazioni possibili anche se fossi occupata contemporaneamente a correre, parlare, leggere, scrivere, dormire ecc …
Ancora altre 23 ore e 44 minuti …
Come passerò questo tempo? Di certo le cose da fare non mancano, ma io mi trovo sulle nuvole ed è difficile scendere giù. Proprio non mi va. Com’è tutto più bello osservare le cose da questa prospettiva.
So che lo stato di grazia durerà un tempo limitato, ma voglio godermelo tutto quanto. Questo è il momento del tutto è possibile. E’ lo spazio temporale nel quale ogni impresa diventa una passeggiata, quando ci si sente leggeri e meno complicati del solito.
Sono riuscita a raggiungere la mia Isola che non c'é. So che é destinata a scomparire, che questa visione durerà un attimo, ma é un ricordo in più che potrò accarezzare quando il resto sembra andare per conto proprio.
E’ proprio vero, la felicità non può tramutarsi in una condizione di stallo dello stato d’animo dell’essere umano, sarebbe meno intensa, meno bella, meno sorprendente. E oggi posso dire di essere veramente felice. Magari nel pomeriggio di domani avrò già riacquistato la mia solita espressione corrucciata, però mi resterà dentro un ricordo indelebile del mio sogno diventato realtà e non potrò impedire al mio sciocco sorriso di apparire sul mio viso quando meno me lo aspetto.

Commenti

  1. Beata te.
    Il momento più bello di quando si realizza un sogno è la sensazione che si ha l'attimo prima..

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Benvenuto Ottobre




Sì, lo so che non sono più una bambina. Ma oggi è il primo di Ottobre e quando questo mese arriva non posso fare a meno di pensare alla vigilia di Ognissanti. Vado alla ricerca della zucca perfetta: non troppo ovale, né troppo schiacchiata. Altrimenti è difficile da intagliare e la faccia non verrebbe bene.

Poi ci sono le castagne da cercare. Quelle buone, quelle che vanno arrostite rigorosamente nel camino, anche se dentro casa sembra ancora estate. E poi ci sono le decorazioni e il menu della serata che deve prevedere i melograni. Per finire il dolce: frittelle, crispelle e una torta alla zucca e noci.
Sarà pure una giornata impegnativa, ma io sono felice. Anche se dura poco.Anche se il cibo finisce in fretta e la candela dentro la zucca non regge l’intera serata. Ma va bene così, quando, finito tutto, spengo la luce, la lanterna cacciastreghe proietta la faccia intagliata sul muro e il tremolio della candela le regala un ghigno malevolo. E’ strambo, sarà stupido, ma è divertente.…

Gratitudine

Esercitare la gratitudine non è dire grazie e basta per quello che si ha, ma dire “grazie perché …” solo dopo aver osservato il problema da un’altra prospettiva e avere scovato un aspetto positivo. E spesso questo corrisponde nel formulare un pensiero contrario a quello che di solito viene formulato. La vita è fatta di momenti negativi, positivi e momenti neutri. In genere quest’ultimi sono quelli che precedono l’avvento dei primi due. I tipici momenti nei quali si dovrebbe stare all'erta anche se non servirebbe a niente comunque. L’esercizio di formulare pensieri di gratitudine, naturalmente, è un esercizio che presenta gradi di difficoltà diversi a seconda di chi dovrà svolgerlo. Un’ottimista o un fortunato ringrazierebbero sempre e comunque, senza prendersi la briga di osservare la propria vita da una prospettiva differente. Cosa che sarebbe sbagliata, fra l’altro, ma l’ottimista è una persona che piace a tutti, non ammorba la vita degli altri con i suoi problemi. Sorride semp…
La notte, sogno spesso di essere lasciata sola. Sola fra gente che non conosco e che si diverte. Abbandonata dagli amici, dal compagno, da semplici conoscenti e senza mai un perché. Nel sogno mi sento smarrita. Vedo gli altri che ridono, parlano, vivono. Io provo uno strano senso di angoscia e mi sveglio.
Durante il giorno, invece, cerco i momenti di solitudine come le pepite d'oro nei fiumi ai tempi del far west.
La solitudine peggiore, però, é quando ti senti solo nell'esprimere la confusione che hai dentro. Confusione che diventa rabbia. Rabbia che diventa rancore. Rancore che si trasforma in attesa. Esiste un tempo nel quale capisci che non esisti per rendere felici gli altri. Che il tempo é poco e se non ti fermi per riappropriarti di te stesso verrai mangiato o peggio ancora sbranato. 
Se sopravvivi alla tempesta capisci che nessuno é importante quanto te. E per venire incontro veramente agli altri, bisogna prima passare da se stessi. E quando avrai il coraggio di rispo…