Passa ai contenuti principali

Rotary

Finalmente ho finito di scrivere il mio pseudo articolo sul faro che ho visitato. L’ho scritto e cancellato almeno una mezza dozzina di volte, nel frattempo tutti i movimenti tellurici e sussultori previsti nella mia vita lavorativa si sono tramutati in piccole pernacchie. Non che mi fossi illusa, anzi, conosco bene i miei polli.
Qualche tempo fa, tutto questo mi avrebbe innervosito, mi avrebbe reso ancora più silenziosa ed ostile, ora non più. Occuparmi di questo piccolo e misero articoletto è stato un toccasana. Ho avuto la mente occupata e soprattutto la voglia di scriverlo mi ha accompagnata dall’inizio alla fine. Anche quando ho cancellato, strappato e stravolto tutto.
A rendermi maggiormente di buon umore sono stati tre eventi. A due di questi non posso fare nessun accenno, il terzo è un banalissimo articolo comparso sul giornale di ieri. In città si è costituito il CLUB INNER WHEEL MONTI IBLEI. Club molto vicino al Rotary anche se possiede un proprio statuto.
Se si volesse appartenere al Wheel bisogna avere stretti legami di parentela con il Rotary. Una specie di loggia massonica.
Se qualcuno, che ne so, la solita casalinga di Vigevano, volesse fare parte del club dovrebbe prima avere l’accortezza di sposare un professionista affermato e che faccia parte del Rotary, ovviamente. Marito e moglie (e aggiungiamo i figli, nel caso fossero interessati perché anche loro avrebbero una corsia preferenziale per fare parte del club) mano nella mano, ma in club differenti, porteranno avanti, con impegno, i loro programmi per realizzare opere e aiuti a favore dei più deboli e diseredati. Praticamente quelli che se li incontrano per strada un normalissimo giorno feriale, guarderanno dall’alto in basso e con la puzza sotto al naso.
La mia bisnonna soleva dire che la beneficenza va fatta in silenzio e di nascosto, non solo per non umiliare l’altro, ma per evitare di mettersi in mostra. Certo, la mia bisnonna metteva in pratica gli insegnamenti di Gesù, altri preferiscono quelle della buona società.
Scioccamente pensavo che tutte queste associazioni fossero solo realtà presenti nei film, invece, incuriosita dall’articolo sono andata su Google alla ricerca di queste famose personalità locali che appartengono al CLUB. Ci sono molti nomi che conosco e che, a dire il vero, mi hanno suscitato ilarità.
Non voglio fare il solito Bastian Contrario della situazione, ma trovo tutta questa realtà nauseante. Seppur sbagliata, la posso giustificare in un contesto storico diverso, quando la linea di demarcazione fra le varie categorie sociali era netta. Adesso no, per carità. Sembra tutto così pretestuoso, sembra solo voler mettere in mostra quello che si è e cosa si possiede. Tanto varrebbe esporre su una bancarella il proprio pedigree, pardon, il proprio background cultura e sociale.
Non riesco a pensare bene di tutto ciò. Ho cercato un punto a favore di queste associazioni e non me ne è venuto in mente nessuno. Non è il club della bocciofila, quello del tiro a freccette, quello delle (ahimé) 500 e nemmeno quello dei ferraristi. No, è un setta e pure elitaria.
Mi immagino tutti questi signori che blaterano durante le riunioni: l’avvocato, il medico con la mitica villa, l’ingegnere affermato e l’architetto di grido, l’imprenditore e il funzionario di banca. Chissà perché non ci sono i falegnami, gli elettricisti, i vigili del fuoco, i muratori, gli imbianchini e gli spazzacamini. Ebbene sì, ci voglio gli spazzacamini, anche loro hanno una funzione importante nella società. O almeno, l’avevano: impedivano che la crema della società si sporcarsse il naso con la fuliggine, magari durante qualche riunione del rotary!

Commenti

Post popolari in questo blog

Benvenuto Ottobre




Sì, lo so che non sono più una bambina. Ma oggi è il primo di Ottobre e quando questo mese arriva non posso fare a meno di pensare alla vigilia di Ognissanti. Vado alla ricerca della zucca perfetta: non troppo ovale, né troppo schiacchiata. Altrimenti è difficile da intagliare e la faccia non verrebbe bene.

Poi ci sono le castagne da cercare. Quelle buone, quelle che vanno arrostite rigorosamente nel camino, anche se dentro casa sembra ancora estate. E poi ci sono le decorazioni e il menu della serata che deve prevedere i melograni. Per finire il dolce: frittelle, crispelle e una torta alla zucca e noci.
Sarà pure una giornata impegnativa, ma io sono felice. Anche se dura poco.Anche se il cibo finisce in fretta e la candela dentro la zucca non regge l’intera serata. Ma va bene così, quando, finito tutto, spengo la luce, la lanterna cacciastreghe proietta la faccia intagliata sul muro e il tremolio della candela le regala un ghigno malevolo. E’ strambo, sarà stupido, ma è divertente.…

Gratitudine

Esercitare la gratitudine non è dire grazie e basta per quello che si ha, ma dire “grazie perché …” solo dopo aver osservato il problema da un’altra prospettiva e avere scovato un aspetto positivo. E spesso questo corrisponde nel formulare un pensiero contrario a quello che di solito viene formulato. La vita è fatta di momenti negativi, positivi e momenti neutri. In genere quest’ultimi sono quelli che precedono l’avvento dei primi due. I tipici momenti nei quali si dovrebbe stare all'erta anche se non servirebbe a niente comunque. L’esercizio di formulare pensieri di gratitudine, naturalmente, è un esercizio che presenta gradi di difficoltà diversi a seconda di chi dovrà svolgerlo. Un’ottimista o un fortunato ringrazierebbero sempre e comunque, senza prendersi la briga di osservare la propria vita da una prospettiva differente. Cosa che sarebbe sbagliata, fra l’altro, ma l’ottimista è una persona che piace a tutti, non ammorba la vita degli altri con i suoi problemi. Sorride semp…
La notte, sogno spesso di essere lasciata sola. Sola fra gente che non conosco e che si diverte. Abbandonata dagli amici, dal compagno, da semplici conoscenti e senza mai un perché. Nel sogno mi sento smarrita. Vedo gli altri che ridono, parlano, vivono. Io provo uno strano senso di angoscia e mi sveglio.
Durante il giorno, invece, cerco i momenti di solitudine come le pepite d'oro nei fiumi ai tempi del far west.
La solitudine peggiore, però, é quando ti senti solo nell'esprimere la confusione che hai dentro. Confusione che diventa rabbia. Rabbia che diventa rancore. Rancore che si trasforma in attesa. Esiste un tempo nel quale capisci che non esisti per rendere felici gli altri. Che il tempo é poco e se non ti fermi per riappropriarti di te stesso verrai mangiato o peggio ancora sbranato. 
Se sopravvivi alla tempesta capisci che nessuno é importante quanto te. E per venire incontro veramente agli altri, bisogna prima passare da se stessi. E quando avrai il coraggio di rispo…