Passa ai contenuti principali

Sonni Tranquilli

La scelta di andare a vivere da soli porta con sé vantaggi (tanti) e svantaggi (alcuni). Da quando il mio nucleo familiare è composto soltanto da me medesimo, per dirla alla Catarella, ho dovuto farmi carico delle spese per luce, gas, e per la spazzatura. Quest’ultima, però, mi sta causando i primi grattacapi.
Precisa fino allo sfinimento come sono, pago sempre in anticipo tutto quello che c’è da pagare e così ho fatto con la tassa sui rifiuti. Ho iniziato a pagare nel 2006 e dall’ufficio riscossione ancora non si sono capacitati di questo, perché continuano ad inviarmi solleciti di pagamento tramite raccomandate.
Ho inviato fax, raccomandate, mi sono presentata personalmente allo sportello, ho pure ignorato gli avvisi, come mi hanno suggerito dall’Ufficio Riscossione dato che sono in regola con i pagamenti. Nulla. Ogni volta tocca recarmi all’Ufficio Postale, ritirare la raccomandata, mandare il fax con le copie dei bollettini pagati, inviare la raccomandata tanto per cautelarsi, telefonare per dare gli estremi della cartella esattoriale fino al prossimo mese.
Inizio a sentirmi perseguitata.
Proprio oggi sono venuta a conoscenza che esiste una Casa del Comune. Me lo ha svelato l’ennesimo sollecito di pagamento.
Sabato mattina ho dovuto ritirare una raccomandata, nella raccomandata mi suggerivano di recarmi alla Casa del Comune e di presentare il foglio allegato. Così ho fatto e nell’ordine:
1) Mi imbatto in un dipendente comunale che (cosa mai successa) mi chiede se poteva essermi utile. Evidentemente hanno sbloccato i pagamenti, perché la settimana scorsa nello stesso posto non si vedeva nessuno.
2) Alla mia richiesta su dove recarmi per trovare la Casa del Comune il dipendente risponde come se io fossi un’idiota: “La Casa del Comune si trova in Archivio e l’Archivio si Trova all’Ufficio Protocollo, quindi la Casa del Comune è l’Ufficio Protocollo”? Ma chi è questo, la Sfinge del con i suoi indovinelli?
3) Rispondo garbatamente al dipendente comunale “Grazie dell'informazione, adesso sa dirmi se è nato prima l’uovo o la gallina?”
4) Arrivo all’Ufficio Protocollo nonché Archivio, nonché Casa del Comune, presento il foglio alla dipendente che si inabissa da qualche parte senza fare più ritorno. Esce, dopo una estenuante attesa, con una busta, aperta addirittura, e quella busta cos’era? IL SOLLECITO A PAGARE LA TASSA SUI RIFIUTI SOLIDI URBANI DEL 2006. DI NUOVO, ANCORA, NONOSTANTE I FAX, LE RACCOMANDATE E LE TELEFONATE !!!!!!!
5) L’ufficio Riscossione mi rimanda all’Ente Creditore; l’Ente Creditore mi rimanda all’Ufficio Riscossione che mi rimanda dall’Ente Creditore e poi scopro che l’Ufficio Riscossione si trova presso l’Ente Creditore.
Esperienze degne di un racconto kafkiano o di un episodio fantozziano. So di essere in buona compagnia, ma ho notato che molti accettano tutto con spirito di rassegnazione. Uno mi ha detto “Signorina, non si scandalizzi, al comune è sempre stato cosi”. Questo non è un buon motivo perché debba continuare ad esserlo. All’interno del Palazzo di Città si muovono strani personaggi. Alcuni entrano in ufficio e si smaterializzano, sarebbe il caso di chiamare degli acchiappa fantasmi; qualcun altro passeggia incessantemente per il centro munito di auricolare bluetooth, pizzetto di ordinanza e scarpe a punta in pelle simil-pitone che se lo vedesse Verdone creerebbe un nuovo personaggio. “Voi cosa dicete, che si deve fare cosi? E noi così ce lo facciamo. Gioie mie, questo è un lavoro di responsabilità che ci mettiamo a fare i pupi ci mettiamo? Vi parlo come se parlerei ai figli miei. Fate come vi dico e poi ce lo dico io al comandante che ci deve mettere il bollo. Per ora andate tranquilli, dormite su due guanciali che ci penso a tutto io ci penso”.
E se ci pensa lui, stanotte dormo su due guanciali pure io. Meno tranquilla dormirei se dovessi amministrare questo covo di rimbambiti.

Commenti

  1. pertinente e stimolante come sempre la tua storia; l'allusione chiara alle difficoltà che avrà Buscema nel caso dovesse andare a governare ci deve solo stimolare ad essere cittadini attivi non solo prima ma anche e soprattutto dopo le lelezioni

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Benvenuto Ottobre




Sì, lo so che non sono più una bambina. Ma oggi è il primo di Ottobre e quando questo mese arriva non posso fare a meno di pensare alla vigilia di Ognissanti. Vado alla ricerca della zucca perfetta: non troppo ovale, né troppo schiacchiata. Altrimenti è difficile da intagliare e la faccia non verrebbe bene.

Poi ci sono le castagne da cercare. Quelle buone, quelle che vanno arrostite rigorosamente nel camino, anche se dentro casa sembra ancora estate. E poi ci sono le decorazioni e il menu della serata che deve prevedere i melograni. Per finire il dolce: frittelle, crispelle e una torta alla zucca e noci.
Sarà pure una giornata impegnativa, ma io sono felice. Anche se dura poco.Anche se il cibo finisce in fretta e la candela dentro la zucca non regge l’intera serata. Ma va bene così, quando, finito tutto, spengo la luce, la lanterna cacciastreghe proietta la faccia intagliata sul muro e il tremolio della candela le regala un ghigno malevolo. E’ strambo, sarà stupido, ma è divertente.…

Gratitudine

Esercitare la gratitudine non è dire grazie e basta per quello che si ha, ma dire “grazie perché …” solo dopo aver osservato il problema da un’altra prospettiva e avere scovato un aspetto positivo. E spesso questo corrisponde nel formulare un pensiero contrario a quello che di solito viene formulato. La vita è fatta di momenti negativi, positivi e momenti neutri. In genere quest’ultimi sono quelli che precedono l’avvento dei primi due. I tipici momenti nei quali si dovrebbe stare all'erta anche se non servirebbe a niente comunque. L’esercizio di formulare pensieri di gratitudine, naturalmente, è un esercizio che presenta gradi di difficoltà diversi a seconda di chi dovrà svolgerlo. Un’ottimista o un fortunato ringrazierebbero sempre e comunque, senza prendersi la briga di osservare la propria vita da una prospettiva differente. Cosa che sarebbe sbagliata, fra l’altro, ma l’ottimista è una persona che piace a tutti, non ammorba la vita degli altri con i suoi problemi. Sorride semp…
La notte, sogno spesso di essere lasciata sola. Sola fra gente che non conosco e che si diverte. Abbandonata dagli amici, dal compagno, da semplici conoscenti e senza mai un perché. Nel sogno mi sento smarrita. Vedo gli altri che ridono, parlano, vivono. Io provo uno strano senso di angoscia e mi sveglio.
Durante il giorno, invece, cerco i momenti di solitudine come le pepite d'oro nei fiumi ai tempi del far west.
La solitudine peggiore, però, é quando ti senti solo nell'esprimere la confusione che hai dentro. Confusione che diventa rabbia. Rabbia che diventa rancore. Rancore che si trasforma in attesa. Esiste un tempo nel quale capisci che non esisti per rendere felici gli altri. Che il tempo é poco e se non ti fermi per riappropriarti di te stesso verrai mangiato o peggio ancora sbranato. 
Se sopravvivi alla tempesta capisci che nessuno é importante quanto te. E per venire incontro veramente agli altri, bisogna prima passare da se stessi. E quando avrai il coraggio di rispo…