Passa ai contenuti principali

I miei tesori

Durante le mie ferie natalizie c’è stato un attimo nel quale ho avuto paura di essermi imborghesita. Più di una volta mi sono ritrovata a fissare le vetrine delle oreficerie, quelle dei vestiti di lusso. Ho acquistato qualche oggetto di valore per la casa, ho pure iniziato a leggere le riviste di arredamento finché una domenica mattina, in un negozio di abiti non ho incontrato lui: ragusano doc, arrogante, pomposo, cafone fino allo sfinimento. Incalzava la figlia a compare una cosa, piuttosto che un’altra, solo perché era più visibile la firma dello stilista. Secondo la sua teoria, non ha senso comprare le cose che ci piacciono, ma solo le cose sulle quali si vede che si sono spesi i soldi, meglio se il marchio compare grande quanto un tiro a segno. Così, almeno, quando si passeggia per il corso, la gente sa che vesti firmato, mica ti apre la giacca per leggere l’etichetta. L’etichetta, secondo lui, va messa fuori e non dentro il capo di abbigliamento.
Devo proprio ringraziare quest’uomo che mi ha fatto tornare in me. Il mio viaggio nel lusso sfrenato non era destinato a durare comunque, ma è sempre meglio sia finito prima del dovuto. Devo dire che il soggetto mi ha nauseato parecchio. Ho posato schifata un maglioncino di D&G dalla modica cifra di 365 euro (già scontato del 50% + 10%) che non avevo comunque intenzione di comprare. Mi piace il lusso, ma non sono mica scema. Mi sono chiesta perché spendere un quarto del mio stipendio? Per permettere a chi già ricco è di diventare più ricco, fare il giro del mondo in yatch, dare feste mondane e vuote e rilasciare interviste dicendo quanto sia bella la moda?
No grazie, io non sono così. Ho comprato da Oviesse. Ho speso di meno e ho comprato pure di più. Ora sono contenta di essere tornata in me. Sì è vero, un potenziale economico maggiore può dare alla testa, ma fino ad un certo punto. Accade se la propria vita non è fatta di nient’altro. Io amo altre cose. Amo il mare, ma per amarlo non devo necessariamente avere un barcone, mi basta guardarlo, ascoltare il suono della risacca. Adoro i libri, gli amici migliori della mia vita. Il miglior senso di vertigine me lo danno loro, l’odore delle pagine di un libro appena comprato, o quello ammuffito di un vecchio libro della mia infanzia, il senso del tatto e il piacere di leggere con un gamba sotto al sedere e il mento appoggiato sulla mano. Io amo altre cose e una firma su un paio di stivali, una borsa da 800 euro, un oggetto di ceramica o vetro pregiato non sono cose che riesco ad amare. Ammetto sia bello possederli, ma amarli è tutta un’altra cosa.
Ieri è stata una brutta giornata. Sono stata male ed ero pure un pochino giù. Solo una cosa alla fine della giornata mi ha strappato un sorriso e allargato il cuore. Non sono stati il quadro appeso dietro al divano, la ballerina di ceramica pregiata che mi hanno regalato, nemmeno gli stivali firmati chiusi dentro allo scatolo da molti giorni. E’ stata la luce della lanterna di Genova che si è intravista durante l’esecuzione di un brano di De André. Quella sì, mi ha allargato il cuore e mi ha regalato il primo vero sorriso della giornata.

Commenti

  1. non passavo da queste parti da molto tempo,mi sconvolge sapere che non lontano da me vive qualcuno che la pensa esattamente come me.
    incredibile ma vero.
    ps:torno al mare :)

    g. di annozero

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Benvenuto Ottobre




Sì, lo so che non sono più una bambina. Ma oggi è il primo di Ottobre e quando questo mese arriva non posso fare a meno di pensare alla vigilia di Ognissanti. Vado alla ricerca della zucca perfetta: non troppo ovale, né troppo schiacchiata. Altrimenti è difficile da intagliare e la faccia non verrebbe bene.

Poi ci sono le castagne da cercare. Quelle buone, quelle che vanno arrostite rigorosamente nel camino, anche se dentro casa sembra ancora estate. E poi ci sono le decorazioni e il menu della serata che deve prevedere i melograni. Per finire il dolce: frittelle, crispelle e una torta alla zucca e noci.
Sarà pure una giornata impegnativa, ma io sono felice. Anche se dura poco.Anche se il cibo finisce in fretta e la candela dentro la zucca non regge l’intera serata. Ma va bene così, quando, finito tutto, spengo la luce, la lanterna cacciastreghe proietta la faccia intagliata sul muro e il tremolio della candela le regala un ghigno malevolo. E’ strambo, sarà stupido, ma è divertente.…

Gratitudine

Esercitare la gratitudine non è dire grazie e basta per quello che si ha, ma dire “grazie perché …” solo dopo aver osservato il problema da un’altra prospettiva e avere scovato un aspetto positivo. E spesso questo corrisponde nel formulare un pensiero contrario a quello che di solito viene formulato. La vita è fatta di momenti negativi, positivi e momenti neutri. In genere quest’ultimi sono quelli che precedono l’avvento dei primi due. I tipici momenti nei quali si dovrebbe stare all'erta anche se non servirebbe a niente comunque. L’esercizio di formulare pensieri di gratitudine, naturalmente, è un esercizio che presenta gradi di difficoltà diversi a seconda di chi dovrà svolgerlo. Un’ottimista o un fortunato ringrazierebbero sempre e comunque, senza prendersi la briga di osservare la propria vita da una prospettiva differente. Cosa che sarebbe sbagliata, fra l’altro, ma l’ottimista è una persona che piace a tutti, non ammorba la vita degli altri con i suoi problemi. Sorride semp…
La notte, sogno spesso di essere lasciata sola. Sola fra gente che non conosco e che si diverte. Abbandonata dagli amici, dal compagno, da semplici conoscenti e senza mai un perché. Nel sogno mi sento smarrita. Vedo gli altri che ridono, parlano, vivono. Io provo uno strano senso di angoscia e mi sveglio.
Durante il giorno, invece, cerco i momenti di solitudine come le pepite d'oro nei fiumi ai tempi del far west.
La solitudine peggiore, però, é quando ti senti solo nell'esprimere la confusione che hai dentro. Confusione che diventa rabbia. Rabbia che diventa rancore. Rancore che si trasforma in attesa. Esiste un tempo nel quale capisci che non esisti per rendere felici gli altri. Che il tempo é poco e se non ti fermi per riappropriarti di te stesso verrai mangiato o peggio ancora sbranato. 
Se sopravvivi alla tempesta capisci che nessuno é importante quanto te. E per venire incontro veramente agli altri, bisogna prima passare da se stessi. E quando avrai il coraggio di rispo…