Passa ai contenuti principali

Alla ricerca delle Tortine perdute

Rivoglio le tortine del Mulino Bianco, quei dolcetti a forma di apple pie e ripieni di frutta. Da piccola li adoravo. Erano le uniche merendine, assieme ai pandorini che usavo mangiare a colazione e a merenda. Ma perché le cose più buone non le ripropongono più.
Adesso mi propinano quegli orrendi flauti, le camille che non hanno più il sapore delle camille e quei pani rotondi rammolliti con le goccie di cioccolato che se le tieni in mano un po’ più stretti viene fuori un’informe pappetta. Rivoglio le mei tortine e preferibilmente senza variazioni alla ricetta. Grazie.
Ditemi pure che sarò una nostalgica, ma le tortine meritano di ritornare in vita.
Non avrò più sei anni, non ci sarà più Bim Bum Bam, né i compiti del pomeriggio, ma posso comunque ritagliarmi cinque minuti per mangiare una merendina e pensare al passato.
Le tortine per me valgono quanto le maddalene per Proust. Vogliamo pensarci su?
E’ da un po’ che ci penso. E poi mi è venuta questa bella idea. Sto seguendo una dieta che prevede l’eliminazione del pane e della pasta colpevoli di gonfiarmi la pancia e rendermela come una mongolfiera. Mentre mangiavo a piccole cucchiaiate un orrendo e orripilante yougurt con pezzi di fragola molliccia mi sono messa a fare delle associazioni mentali. Dalla fragola sono passata alle crostastine della mulino bianco che in passato vendevano non solo farcite di marmellata all’albicocca, ma pure di arancia e fragola e un altro gusto che non ricordo. Dalle crostatine alle tortine il passo è stato brevissimo. Così mi sono collegata al sito della Mulino Bianco tentando di trovare le mie Tortine. E le ho trovate fra la pubblicità passata. Che gioia e che tristezza allo stesso tempo.
Ora mi si è incuneato in testa questo pensiero e so che non se ne andrà finché non ritroverò le mie tortine. Così ho scritto alla Mulin Bianco, pregandoli in ginocchio di armi ascolto e ho scoperto che sono in buona compagnia. Sig. Barilla potrebbe esaudirci questo piccolo desiderio?
Non sono sciocca, spero. E’ questione di punti di vista. Adesso che la mia pausa pranzo sarà costellata di yogurt di barrette energetiche e gallette di riso penserò più spesso alla mia tortina.
Speriamo che il sacrificio abbia un senso, non vorrei che la mia pancia rimanesse gonfia e io perdessi solo giorni di panini con lo speck.
Stasera si va in piscina, forse. Vorrei trovare un corso in orario decente e che mi entusiasmi più che alzare pesi toccati da tante mani sudaticcie prima di me. Io odio la palestra. Odio sudare, correre su un tappeto che non è nemmeno volante. Odio lo step. Mi diverte di più l’ellittico, ma dopo dieci minuti di camminata stile sci mi scoccio. Così ho deciso di tornare al mio elemento preferito: l’acqua. Ce la farò? Non so, forse dovrei chiederlo alla mia pigrizia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Benvenuto Ottobre




Sì, lo so che non sono più una bambina. Ma oggi è il primo di Ottobre e quando questo mese arriva non posso fare a meno di pensare alla vigilia di Ognissanti. Vado alla ricerca della zucca perfetta: non troppo ovale, né troppo schiacchiata. Altrimenti è difficile da intagliare e la faccia non verrebbe bene.

Poi ci sono le castagne da cercare. Quelle buone, quelle che vanno arrostite rigorosamente nel camino, anche se dentro casa sembra ancora estate. E poi ci sono le decorazioni e il menu della serata che deve prevedere i melograni. Per finire il dolce: frittelle, crispelle e una torta alla zucca e noci.
Sarà pure una giornata impegnativa, ma io sono felice. Anche se dura poco.Anche se il cibo finisce in fretta e la candela dentro la zucca non regge l’intera serata. Ma va bene così, quando, finito tutto, spengo la luce, la lanterna cacciastreghe proietta la faccia intagliata sul muro e il tremolio della candela le regala un ghigno malevolo. E’ strambo, sarà stupido, ma è divertente.…

Gratitudine

Esercitare la gratitudine non è dire grazie e basta per quello che si ha, ma dire “grazie perché …” solo dopo aver osservato il problema da un’altra prospettiva e avere scovato un aspetto positivo. E spesso questo corrisponde nel formulare un pensiero contrario a quello che di solito viene formulato. La vita è fatta di momenti negativi, positivi e momenti neutri. In genere quest’ultimi sono quelli che precedono l’avvento dei primi due. I tipici momenti nei quali si dovrebbe stare all'erta anche se non servirebbe a niente comunque. L’esercizio di formulare pensieri di gratitudine, naturalmente, è un esercizio che presenta gradi di difficoltà diversi a seconda di chi dovrà svolgerlo. Un’ottimista o un fortunato ringrazierebbero sempre e comunque, senza prendersi la briga di osservare la propria vita da una prospettiva differente. Cosa che sarebbe sbagliata, fra l’altro, ma l’ottimista è una persona che piace a tutti, non ammorba la vita degli altri con i suoi problemi. Sorride semp…
La notte, sogno spesso di essere lasciata sola. Sola fra gente che non conosco e che si diverte. Abbandonata dagli amici, dal compagno, da semplici conoscenti e senza mai un perché. Nel sogno mi sento smarrita. Vedo gli altri che ridono, parlano, vivono. Io provo uno strano senso di angoscia e mi sveglio.
Durante il giorno, invece, cerco i momenti di solitudine come le pepite d'oro nei fiumi ai tempi del far west.
La solitudine peggiore, però, é quando ti senti solo nell'esprimere la confusione che hai dentro. Confusione che diventa rabbia. Rabbia che diventa rancore. Rancore che si trasforma in attesa. Esiste un tempo nel quale capisci che non esisti per rendere felici gli altri. Che il tempo é poco e se non ti fermi per riappropriarti di te stesso verrai mangiato o peggio ancora sbranato. 
Se sopravvivi alla tempesta capisci che nessuno é importante quanto te. E per venire incontro veramente agli altri, bisogna prima passare da se stessi. E quando avrai il coraggio di rispo…