Passa ai contenuti principali

Tanti pensieri e poche parole

Il mio nuovo motto (non che ne avessi altri prima): Le mie capacità cognitive, in campo lavorativo, saranno rapportate alle mie entrate finanziarie. A breve risulterò completamente idiota.
Qui c’è l’inferno ed io sono una dei pochi che non si affanna. Mi basta già l’asma allergica. Il sole sembra splendere di nuovo, mi mancherà l’inverno. Ora non mi resta che rassegnarmi all’interminabile estate. Cercherò di prendere il lato positivo. C’è più caldo e i muri tinteggiati asciugheranno prima, potrò aprire le imposte e arieggiare il locale, potrò usare meno levapelucchi che passo forsennatamente sui maglioni. Non raccoglierò la cenere del camino, non si formerà vapore durante le mie operazioni di alta cucina. Insomma, morirò dal caldo, ma farò meno fatica.
Mi piacerebbe fare un altro viaggio questa estate, ma credo che sarò costretta a rimandare. Mi piacerebbe visitare la Scozia. Fregati …. Pensavate avrei detto la Bretagna. Ovvio che lì ci devo andare, altrimenti imparare il bretone che senso avrebbe?
Nell’attesa si avveri il sogno, cerco di vivere, sopportando, tutti i difetti della mia città. Non parlo delle buche nelle strade, ormai mi sono rassegnata, ogni mattina, a fare zig zag per evitare quelle più profonde. A proposito, Caterina, la mia auto, ringrazia sindaco, assessori e consiglieri e ringrazia pure la padrona di Caterina, a modo suo, ad ogni buca beccata.
Sono i modicani che si sono trasformati, in peggio. Giorno dopo giorno, assisto ad una loro trasformazione che mi spiazza. Hanno acquisito la tracotanza ragusana e la mafiosaggine vittorio-comisana. Questa trasformazione è troppo veloce e mi impensierisce.
Metterei mai al mondo un figlio destinato ad abbrutirsi o peggio ancora essere deriso perché ben educato? Non credo proprio. Siamo sempre più incivili. Anzi no, SONO SEMPRE PIU’ INCIVILI. Io non mi sforzo nemmeno di comportarmi bene, mi viene naturale.
Che dire. Non siamo messi per nulla bene. Silvio fa fatto tante cose sbagliate, ma la peggiore, a mio avviso, è quella di essere diventato il portabandiera del: la forza dei numeri è il lasciapassare per tutto. Io ho i numeri, quindi faccio quello che voglio, in barba a coloro che credono ancora che bisogna essere civili.
Non che qualcuno, votato per farlo, abbia fatto qualcosa per contrastare questo strapotere.
In questo periodo della mia vita mi sento in balia di gente che non agisce e parla solamente. Lo fanno al lavoro con riuinioni fiume, lo fanno i politici della mia città durante le sedute comunali, lo fanno nel mio paese sedendo nei salotti delle TV e blaterando in continuazione. Mai un’azione, solo belle parole.
Se è vero che il pensiero è azione, allora chi parla si presuppone non pensi prima di aprire bocca.

Commenti

Post popolari in questo blog

Benvenuto Ottobre




Sì, lo so che non sono più una bambina. Ma oggi è il primo di Ottobre e quando questo mese arriva non posso fare a meno di pensare alla vigilia di Ognissanti. Vado alla ricerca della zucca perfetta: non troppo ovale, né troppo schiacchiata. Altrimenti è difficile da intagliare e la faccia non verrebbe bene.

Poi ci sono le castagne da cercare. Quelle buone, quelle che vanno arrostite rigorosamente nel camino, anche se dentro casa sembra ancora estate. E poi ci sono le decorazioni e il menu della serata che deve prevedere i melograni. Per finire il dolce: frittelle, crispelle e una torta alla zucca e noci.
Sarà pure una giornata impegnativa, ma io sono felice. Anche se dura poco.Anche se il cibo finisce in fretta e la candela dentro la zucca non regge l’intera serata. Ma va bene così, quando, finito tutto, spengo la luce, la lanterna cacciastreghe proietta la faccia intagliata sul muro e il tremolio della candela le regala un ghigno malevolo. E’ strambo, sarà stupido, ma è divertente.…

Gratitudine

Esercitare la gratitudine non è dire grazie e basta per quello che si ha, ma dire “grazie perché …” solo dopo aver osservato il problema da un’altra prospettiva e avere scovato un aspetto positivo. E spesso questo corrisponde nel formulare un pensiero contrario a quello che di solito viene formulato. La vita è fatta di momenti negativi, positivi e momenti neutri. In genere quest’ultimi sono quelli che precedono l’avvento dei primi due. I tipici momenti nei quali si dovrebbe stare all'erta anche se non servirebbe a niente comunque. L’esercizio di formulare pensieri di gratitudine, naturalmente, è un esercizio che presenta gradi di difficoltà diversi a seconda di chi dovrà svolgerlo. Un’ottimista o un fortunato ringrazierebbero sempre e comunque, senza prendersi la briga di osservare la propria vita da una prospettiva differente. Cosa che sarebbe sbagliata, fra l’altro, ma l’ottimista è una persona che piace a tutti, non ammorba la vita degli altri con i suoi problemi. Sorride semp…
La notte, sogno spesso di essere lasciata sola. Sola fra gente che non conosco e che si diverte. Abbandonata dagli amici, dal compagno, da semplici conoscenti e senza mai un perché. Nel sogno mi sento smarrita. Vedo gli altri che ridono, parlano, vivono. Io provo uno strano senso di angoscia e mi sveglio.
Durante il giorno, invece, cerco i momenti di solitudine come le pepite d'oro nei fiumi ai tempi del far west.
La solitudine peggiore, però, é quando ti senti solo nell'esprimere la confusione che hai dentro. Confusione che diventa rabbia. Rabbia che diventa rancore. Rancore che si trasforma in attesa. Esiste un tempo nel quale capisci che non esisti per rendere felici gli altri. Che il tempo é poco e se non ti fermi per riappropriarti di te stesso verrai mangiato o peggio ancora sbranato. 
Se sopravvivi alla tempesta capisci che nessuno é importante quanto te. E per venire incontro veramente agli altri, bisogna prima passare da se stessi. E quando avrai il coraggio di rispo…