Passa ai contenuti principali

Ora et labora

Il rientro dalle vacanze non poteva riservarmi sorpresa migliore: due ore di straordinario al giorno per tutto il mese di settembre e, forse, probabilità di sabati lavorativi. Io non sono stata mai fiscale con gli orari lavorativi. Sono sempre arrivata quasi un’ora prima dall’entrata effettiva e, al momento di uscire, non ho lesinato minuti in più. Però, in questo periodo, pensarmi altre due ore chiusa in questo bugigattolo di ufficio, mi assale l’angoscia.

In questi giorni ho bisogno di silenzio, quiete, di paesaggi, di passeggiate tranquille. Non mi si può chiedere di rimanere chiusa qui dentro. E’ atroce il solo pensiero.

Intanto, stamattina, sono arrivata un’ora prima come stabilito. Come al solito, stra-puntuale da fare schifo, il muso lungo e voglie omicide. Ho tutto un disordine mentale e fisico che mi sovrasta. Lo stomaco, già al secondo giorno lavorativo, è andato a farsi benedire, sono tornati i mal di testa e le fiacchezza.

Durante il tragitto casa-lavoro mi sono fatta due conti. Quanto mi rimane da vivere? Leggendo i manifesti funerari (non so come si chiamino) noto che la maggior parte della gente muore fra i 71 e gli 81 anni. Sono dieci anni tondi, tondi, non sapendo se morirò prima degli ottanta o dopo i settanta mi calcolo una media non molto ponderata. Morirò verso i 75 anni.

Faccio una sottrazione e mi accorgo che mi rimane da vivere esattamente il doppio dei miei anni. Quindi, ho un’altra parte di vita che vorrei vivere al meglio possibile. Cosa farei, potendo, per rendere migliore la mia vita? Penso che darei retta all’intuito e per niente alla praticità. Ci aggiungerei una sana dose di follia e vedrei come andrebbe a finire.

Per prima cosa rassegnerei le dimissioni. Non potrei contare nemmeno sul TFR, visto che l’ho investito in un fondo pensione. Con l’ultimo stipendio, e niente altro sul quale contare, mi recherei presso un’agenzia viaggi. Comprerei un biglietto solo andata per l’Inghilterra o la Bretagna, questo dettaglio lo deciderei all’ultimo momento, prenoterei una stanza in una pensione, tornerei a casa per gettare alla rinfusa quattro stracci in un trolley e mi recherei all’aeroporto. Ci scommetto che non sbaglierei neppure strada. Arrivata a destinazione poserei il bagaglio in stanza e munita di cappello e sciarpa, si perché io partirei in autunno o in inverno, andrei a spasso per la città. Al primo pub supplicherei di prendermi come cameriera, vorrei servire birre e colazioni inglesi. Prenderei un cane che porterei a passeggio nelle mie giornate libere, leggerei seduta sotto un albero di un bel giardino pubblico qualsiasi, passeggerei per le brughiere, perfezionerei la lingua parlando con la gente del posto: pensionati, pescatori, casalinghe che mettono a seccare fuori il pesce o giovani mamme che attendono i figli all’uscita di scuola. Vedrei altre albe e altri tramonti, riempirei i polmoni di un’aria diversa.

Questo non sarebbe tempo sprecato, ma tempo vissuto. E smetterei di conteggiare il tempo che mi resta.

Commenti

Post popolari in questo blog

Benvenuto Ottobre




Sì, lo so che non sono più una bambina. Ma oggi è il primo di Ottobre e quando questo mese arriva non posso fare a meno di pensare alla vigilia di Ognissanti. Vado alla ricerca della zucca perfetta: non troppo ovale, né troppo schiacchiata. Altrimenti è difficile da intagliare e la faccia non verrebbe bene.

Poi ci sono le castagne da cercare. Quelle buone, quelle che vanno arrostite rigorosamente nel camino, anche se dentro casa sembra ancora estate. E poi ci sono le decorazioni e il menu della serata che deve prevedere i melograni. Per finire il dolce: frittelle, crispelle e una torta alla zucca e noci.
Sarà pure una giornata impegnativa, ma io sono felice. Anche se dura poco.Anche se il cibo finisce in fretta e la candela dentro la zucca non regge l’intera serata. Ma va bene così, quando, finito tutto, spengo la luce, la lanterna cacciastreghe proietta la faccia intagliata sul muro e il tremolio della candela le regala un ghigno malevolo. E’ strambo, sarà stupido, ma è divertente.…

Gratitudine

Esercitare la gratitudine non è dire grazie e basta per quello che si ha, ma dire “grazie perché …” solo dopo aver osservato il problema da un’altra prospettiva e avere scovato un aspetto positivo. E spesso questo corrisponde nel formulare un pensiero contrario a quello che di solito viene formulato. La vita è fatta di momenti negativi, positivi e momenti neutri. In genere quest’ultimi sono quelli che precedono l’avvento dei primi due. I tipici momenti nei quali si dovrebbe stare all'erta anche se non servirebbe a niente comunque. L’esercizio di formulare pensieri di gratitudine, naturalmente, è un esercizio che presenta gradi di difficoltà diversi a seconda di chi dovrà svolgerlo. Un’ottimista o un fortunato ringrazierebbero sempre e comunque, senza prendersi la briga di osservare la propria vita da una prospettiva differente. Cosa che sarebbe sbagliata, fra l’altro, ma l’ottimista è una persona che piace a tutti, non ammorba la vita degli altri con i suoi problemi. Sorride semp…
La notte, sogno spesso di essere lasciata sola. Sola fra gente che non conosco e che si diverte. Abbandonata dagli amici, dal compagno, da semplici conoscenti e senza mai un perché. Nel sogno mi sento smarrita. Vedo gli altri che ridono, parlano, vivono. Io provo uno strano senso di angoscia e mi sveglio.
Durante il giorno, invece, cerco i momenti di solitudine come le pepite d'oro nei fiumi ai tempi del far west.
La solitudine peggiore, però, é quando ti senti solo nell'esprimere la confusione che hai dentro. Confusione che diventa rabbia. Rabbia che diventa rancore. Rancore che si trasforma in attesa. Esiste un tempo nel quale capisci che non esisti per rendere felici gli altri. Che il tempo é poco e se non ti fermi per riappropriarti di te stesso verrai mangiato o peggio ancora sbranato. 
Se sopravvivi alla tempesta capisci che nessuno é importante quanto te. E per venire incontro veramente agli altri, bisogna prima passare da se stessi. E quando avrai il coraggio di rispo…