Passa ai contenuti principali

Benefiche Maledizioni

No, quell'isterica non può andare a Londra. Non può mettere piede nel mio mondo. Che se ne vada in Egitto, alle Canarie. Ma che si tolga tra i piedi della mia adorata Inghilterra. Cavolo. Ho già passato la prima settimana di ferie non so come. Anzi no!. Lo so perfettamente. I primi due giorni ho deciso, visto che ero da sola, di ripulire casa da cima a fondo. Così, poi, avrei avuto tre settimane tutte per me. Dopo essermi spezzata la schiena, passo appena una sola giornata di sbraco che sarà parsa troppo all'omino dispettoso, perché ha deciso che casa mia deve essere una nursery per quegli orridi, insulsi, schifosi animali che chiamasi gechi. Sono nati i piccini, nella mia camera da letto. Deliziose schifezze in miniatura che passeggiano per il soffitto e per i muri e che mi hanno cacciata da casa mia. Adesso dormo sul divano fra un'arrabbiatura colossale verso me stessa e questa stupida fobia verso questi esseri maledetti e la voglia di prendere dei sonniferi accompagnati ad una bottiglia di liquore di gran qualità, perché quando si decide di morire, lo si deve fare con classe! 
Poi decido che devo reagire, ne becco quasi uno con la scopa. La rabbia é tanta che lo avrei spalmato stile pelle d'orso sul pavimento. Io che non uccido nemmeno le zanzare. Ma lui é più veloce di Bolt. Salta, é spaventosamente leggiadro e io ho messo troppa forza. E adesso si nascondono i maledetti ed io devo tirare fuori tutto quanto per sopprimerli tutti quanti uno, ad uno. E lo farò con una ferocia tale che non ho mai provato in vita mia. Salvo quando ho letto che quell'isterica, opportunista, viziata figlia di papà va a Londrà. E la giustizia dov'é? Doveva essere il MIO viaggio. Dovevano essere i miei giorni di simulazione da vita di cittadina inglese e invece sto al caldo, prigioniera in casa mia con tutto un divenire di cose fastidiose. Parenti molesti, vicini chiassosi, traffico scellerato. E le mie ferie?
Spero piova a Londra. Che diluvi. Spero che ci siano nubifragi e tempeste. Perché tutti possono andare a Londra meno lei.Perché così ho deciso io. Perché non mi interessa essere buona verso una cacca di persona quale é lei e i suoi falsi momenti depressivi, le sue paturnie da isterica viziata, noiosa egocentrista, pazzoide e arrogante.
E che non si azzardi a darmi i suoi luridi consigli da psicanalizzata che anche quando ha mal di pancia va dalla psicologa. Io non ho bisogno del sostegno di una psicologa. Semmai di un esorcista. Di un fattucchiere, di un demonologo o di lezioni di stregoneria. Oppure di un abbraccio da Superman che mi guardi dritto in faccia e mi rassicuri sul fatto che non mi stanno venendo le paranoie. Che é proprio vero che tutto mi rema contro e che poi spicchi il volo per punire i prepotenti e le vacche pazze. Sperando non si imbatta nella criptonite.

Commenti

Post popolari in questo blog

Benvenuto Ottobre




Sì, lo so che non sono più una bambina. Ma oggi è il primo di Ottobre e quando questo mese arriva non posso fare a meno di pensare alla vigilia di Ognissanti. Vado alla ricerca della zucca perfetta: non troppo ovale, né troppo schiacchiata. Altrimenti è difficile da intagliare e la faccia non verrebbe bene.

Poi ci sono le castagne da cercare. Quelle buone, quelle che vanno arrostite rigorosamente nel camino, anche se dentro casa sembra ancora estate. E poi ci sono le decorazioni e il menu della serata che deve prevedere i melograni. Per finire il dolce: frittelle, crispelle e una torta alla zucca e noci.
Sarà pure una giornata impegnativa, ma io sono felice. Anche se dura poco.Anche se il cibo finisce in fretta e la candela dentro la zucca non regge l’intera serata. Ma va bene così, quando, finito tutto, spengo la luce, la lanterna cacciastreghe proietta la faccia intagliata sul muro e il tremolio della candela le regala un ghigno malevolo. E’ strambo, sarà stupido, ma è divertente.…

Gratitudine

Esercitare la gratitudine non è dire grazie e basta per quello che si ha, ma dire “grazie perché …” solo dopo aver osservato il problema da un’altra prospettiva e avere scovato un aspetto positivo. E spesso questo corrisponde nel formulare un pensiero contrario a quello che di solito viene formulato. La vita è fatta di momenti negativi, positivi e momenti neutri. In genere quest’ultimi sono quelli che precedono l’avvento dei primi due. I tipici momenti nei quali si dovrebbe stare all'erta anche se non servirebbe a niente comunque. L’esercizio di formulare pensieri di gratitudine, naturalmente, è un esercizio che presenta gradi di difficoltà diversi a seconda di chi dovrà svolgerlo. Un’ottimista o un fortunato ringrazierebbero sempre e comunque, senza prendersi la briga di osservare la propria vita da una prospettiva differente. Cosa che sarebbe sbagliata, fra l’altro, ma l’ottimista è una persona che piace a tutti, non ammorba la vita degli altri con i suoi problemi. Sorride semp…
La notte, sogno spesso di essere lasciata sola. Sola fra gente che non conosco e che si diverte. Abbandonata dagli amici, dal compagno, da semplici conoscenti e senza mai un perché. Nel sogno mi sento smarrita. Vedo gli altri che ridono, parlano, vivono. Io provo uno strano senso di angoscia e mi sveglio.
Durante il giorno, invece, cerco i momenti di solitudine come le pepite d'oro nei fiumi ai tempi del far west.
La solitudine peggiore, però, é quando ti senti solo nell'esprimere la confusione che hai dentro. Confusione che diventa rabbia. Rabbia che diventa rancore. Rancore che si trasforma in attesa. Esiste un tempo nel quale capisci che non esisti per rendere felici gli altri. Che il tempo é poco e se non ti fermi per riappropriarti di te stesso verrai mangiato o peggio ancora sbranato. 
Se sopravvivi alla tempesta capisci che nessuno é importante quanto te. E per venire incontro veramente agli altri, bisogna prima passare da se stessi. E quando avrai il coraggio di rispo…