Passa ai contenuti principali

Dreaming of ...

Ci siano quasi. Quanto manca? Giusto una settimana. Sono quasi pronta. Pronta a buttare tutto quanto fatto. Per fortuna il camino non é stato ancora accesa. Lui ha fagocitato tutto quanto. Ha cancellato ogni traccia di qualsiasi mio osceno manufatto. L'unico giudice sono stata io. Poco importa. Ora vedremo se a conti fatti avrei preferito il totale oblio o la pubblica gogna!
Intanto inizio a fare sogni strambi. I miei tipici sogni senza senso. E' normale sognare di avere mal di pancia e così su due piedi e con i jeans addosso sfornare una bambina con la faccia tonda come la luna e vestita di lana rosa? E' normale non capacitarsene e cercare di cederla ai passanti che non ne vogliono sapere ed io mi arrabbio perché proprio non ho tempo di farle il bagnetto?
E' normare sognare altari magici? E' normale vedere la morte, avvolta nel suo manto nero, voltarsi e affiorare il suo viso? Una sovrapposizione del volto di uno scheletro e quello di una donna dai grandi occhi che mi somigliava pure? Dico é normale? E' perché potrebbero esserci dei cambiamenti? E' un monito per sperare che questi cambiamenti non avvengano? Sono io la morte che chiudo la mia vita passata e faccio un passo avanti per cercare una sorta di rinascita? Sarà che tutto quanto non ha senso? Bah! Che dire.
Intanto so di essere stanca morta. Ho le mani massacrate di tagli, bruciature e ammaccature. Attaccate di colla, screpolate dagli acidi. Insomma non c'é male. Intanto ho venduto altre roselline rosse. Sempre e solo roselline. Blu, rosse. Tutte volute dalla stessa persona. Ed io amo le rose gialle e quelle tea e le rose inglesi. Io amo le rose inglesi. Quello che pianterò davanti al mio portico. Che farò sicuramente seccare perché io con le piante non ci so fare. Quelle che la bimba che non sono riuscita ad appioppare a nessuno calpesterà con il suo triciclo rosa. O che la Morte falcerà.
Potrebbe essere. O non sarà. Intanto sento il Natale. Ho già fatto la ghirlanda. l'ho appesa sul camino. Ho già preparato il mini albero di natale. Mi manca quello super grande che arrabbiata com'ero negli anni passati, ho rinchiuso in cantina. Avvolto bene nel sacco della spazzatura e legato con lo spago da cucina. Ha la forma di un cadavere. E un pò, un cadavere lo rappresenta. Il cadavere dei Natali passati e deludenti. Meglio che smetta. Ho proprio sonno oggi e vorrei sognare cose belle. Come l'altra volta. Se continuo a lambiccarmi il cervello sui significati dei miei sogni balzani chissà gli incubi di stanotte.
Baci

Commenti

  1. ciao ti ho trovato per caso o forse per pura magia mi piace il tuo modo di scrivere e vivere la vita
    ti seguo volentieri
    a presto e buone feste
    rosa

    kreattiva.blogspot.com

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Benvenuto Ottobre




Sì, lo so che non sono più una bambina. Ma oggi è il primo di Ottobre e quando questo mese arriva non posso fare a meno di pensare alla vigilia di Ognissanti. Vado alla ricerca della zucca perfetta: non troppo ovale, né troppo schiacchiata. Altrimenti è difficile da intagliare e la faccia non verrebbe bene.

Poi ci sono le castagne da cercare. Quelle buone, quelle che vanno arrostite rigorosamente nel camino, anche se dentro casa sembra ancora estate. E poi ci sono le decorazioni e il menu della serata che deve prevedere i melograni. Per finire il dolce: frittelle, crispelle e una torta alla zucca e noci.
Sarà pure una giornata impegnativa, ma io sono felice. Anche se dura poco.Anche se il cibo finisce in fretta e la candela dentro la zucca non regge l’intera serata. Ma va bene così, quando, finito tutto, spengo la luce, la lanterna cacciastreghe proietta la faccia intagliata sul muro e il tremolio della candela le regala un ghigno malevolo. E’ strambo, sarà stupido, ma è divertente.…

Gratitudine

Esercitare la gratitudine non è dire grazie e basta per quello che si ha, ma dire “grazie perché …” solo dopo aver osservato il problema da un’altra prospettiva e avere scovato un aspetto positivo. E spesso questo corrisponde nel formulare un pensiero contrario a quello che di solito viene formulato. La vita è fatta di momenti negativi, positivi e momenti neutri. In genere quest’ultimi sono quelli che precedono l’avvento dei primi due. I tipici momenti nei quali si dovrebbe stare all'erta anche se non servirebbe a niente comunque. L’esercizio di formulare pensieri di gratitudine, naturalmente, è un esercizio che presenta gradi di difficoltà diversi a seconda di chi dovrà svolgerlo. Un’ottimista o un fortunato ringrazierebbero sempre e comunque, senza prendersi la briga di osservare la propria vita da una prospettiva differente. Cosa che sarebbe sbagliata, fra l’altro, ma l’ottimista è una persona che piace a tutti, non ammorba la vita degli altri con i suoi problemi. Sorride semp…
La notte, sogno spesso di essere lasciata sola. Sola fra gente che non conosco e che si diverte. Abbandonata dagli amici, dal compagno, da semplici conoscenti e senza mai un perché. Nel sogno mi sento smarrita. Vedo gli altri che ridono, parlano, vivono. Io provo uno strano senso di angoscia e mi sveglio.
Durante il giorno, invece, cerco i momenti di solitudine come le pepite d'oro nei fiumi ai tempi del far west.
La solitudine peggiore, però, é quando ti senti solo nell'esprimere la confusione che hai dentro. Confusione che diventa rabbia. Rabbia che diventa rancore. Rancore che si trasforma in attesa. Esiste un tempo nel quale capisci che non esisti per rendere felici gli altri. Che il tempo é poco e se non ti fermi per riappropriarti di te stesso verrai mangiato o peggio ancora sbranato. 
Se sopravvivi alla tempesta capisci che nessuno é importante quanto te. E per venire incontro veramente agli altri, bisogna prima passare da se stessi. E quando avrai il coraggio di rispo…